Torino News

TORINO, 16 December 2016

Varie PRESEPI STORICI IN PROVINCIA DI TORINO Natale 2016

01-12-2016 / 15-01-2017

presepi_storici_in_provincia_di_torino_natale_2016_news_torino_torino_piemonte
Condividi

Tutta l’area della provincia di Torino ha una profonda tradizione storica legata al presepio.

Vediamo cosa succede in Canavese e nelle Valli di Lanzo. A Ciriè si possono visitare il Presepe sotto la neve - fra i più grandi del Piemonte, ambientato in un villaggio alpino delle Valli di Lanzo sotto un manto nevoso (Oratorio della Chiesa di San Giuseppe) - e il Presepe orientale di San Giovanni - che si rifà all’ambientazione palestinese dei tempi di Gesù (Duomo di San Giovanni Battista). Quello di Volpiano, sviluppatosi dal 1983, è invece inserito in un contesto contadino del Canavese (Confraternita Immacolata Concezione); a Pratiglione, in frazione Capovilla, si trova il Presepe meccanico in grotta sotto la neve: iniziato nel secondo dopoguerra, accosta il paesaggio tradizionale delle nostre vallate a uno scorcio della Palestina. Pezzetto, nel Comune di Ronco Canavese, è la Borgata dei Presepi: tante meravigliose natività in arte povera visitabili anche di sera; Ël Presepi con ël Cioché, con la torre campanaria della parrocchiale, è allestito con minuzia di particolari in una vecchia stalla di San Francesco al Campo, in borgata Madonna; nel Presepio ‘d la pianca di Villanova Canavese (Cappella di San Giuseppe) fra i due laghetti, le montagne e la caratteristica “Pianca” (la passerella sullo Stura) alcune statue risalgono all’inizio del 1900; a Balangero, in Via Sant’Anna, c’è il Presepio meccanico del Borgh ed San Roch: realizzato con materiali di recupero, riproduce uno scorcio di vita del paese con mestieri che stanno scomparendo dal quotidiano. È famoso Ël Presepio dël Furn (Chiesa dell’Assunzione di Maria Vergine), in cui baite, ponti, il mulino a vento, la chiesetta e le borgate sono stati costruiti in legno e pietra dagli artigiani di Forno Canavese; curiosi i Presepi ant ij Such nel Salone Parrocchiale di Cuceglio, realizzati nei ceppi degli alberi. Infine il pregevole Presepe meccanico di Vrù, frazione di Cantoira, un suggestivo paesaggio di baite in pietra e lose che riproducono fedelmente l’architettura alpina.

Spostiamoci in Val Susa e nel Pinerolese. Quello di Villar Focchiardo è il “presepe diffuso” più grande della valle, con figure tipiche della cultura locale le cui sembianze derivano dagli abitanti del paese; il Presepe meccanico di Piscina (Via Umberto I) deriva dalla passione della famiglia Panino di origine molisana, regione di cui resta traccia anche nel presepe; il Presepio di Cumiana (Confraternita dei Santi Rocco e Sebastiano) ha piante, erba e alberelli veri, rocce, sabbia e acqua corrente con effetti speciali quali il vento, il fuoco, il fumo, il bollore dell’acqua, il cielo stellato e le fasi del giorno e della notte. Quello di Vigone (Chiesa di San Bernardino) è ispirato alla vita di paese di fine ‘800-inizio ‘900: annovera fra le statuine il prete con il chierichetto, lo stagnino, l’ombrellaio, il medico e poi le miniere di talco della Val Germanasca, la distillazione della menta…; la suggestiva Sacra di San Michele, a Sant’Ambrogio di Torino, è lo scenario dell’esposizione Presepi dal mondo, provenienti da tutti i continenti. Dulcis in fundo, nei più suggestivi angoli di Mentoulles, Ville Cloze e Granges - borgate di Fenestrelle - si possono scoprire oltre 100 presepi con… Segui la cometa



www.inpiemonteintorino.it

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop