Torino News

TORINO, 11 January 2017

Varie Pietre d’inciampo Torino Martedi 17 e mercoledi 18 gennaio 2017

dedicate alle vittime della deportazione nazista e fascista

pietre_d_inciampo_torino_martedi_17_e_mercoledi_18_gennaio_2017_news_torino_torino_piemonte
Condividi

Il Museo Diffuso della Resistenza in collaborazione con la Comunità Ebraica di Torino, il Goethe-Institut Turin e l’Associazione Nazionale Ex Deportati (Aned) – sezione Torino, per il terzo anno porta a Torino gli Stolpersteine di Gunter Demnig, il primo monumento dal basso a livello europeo ideato e realizzato dall’artista tedesco per ricordare le singole vittime della deportazione nazista e fascista.

L’artista produce piccole targhe di ottone poste su cubetti di pietra che sono poi incastonati nel selciato davanti all’ultima abitazione scelta liberamente dalla vittima. Ogni targa riporta “Qui abitava…”, il nome della vittima, data e luogo di nascita e di morte/scomparsa. In tutta Europa sono state posate più di cinquantamila pietre; a Torino, con le pose di quest’anno, saranno presenti nel territorio cittadino ottantacinque pietre.

Le pose avranno inizio martedì 17 gennaio a partire dalle ore 10,00 e termineranno mercoledì 18 gennaio alle ore 11,30. Verranno posate diciotto pietre in sei Circoscrizioni della città.

Martedì 17 gennaio alle ore 12,00 in piazza Bodoni, davanti al Conservatorio “Giuseppe Verdi”, in occasione dell’installazione della pietra dedicata a Leone Sinigaglia, si terrà un momento pubblico alla presenza delle istituzioni e degli enti promotori. Musicista, compositore e studioso, Sinigaglia è ricordato per le sue composizioni di musica sinfonica e per la sua raccolta con arrangiamenti delle Canzoni popolari del Piemonte. In quanto ebreo dovette nascondersi per sfuggire all’arresto e alla deportazione. Il suo ultimo rifugio fu l’Ospedale Mauriziano Umberto I di Torino, dove grazie alla collaborazione di medici e personale, fu ricoverato sotto falsa identità insieme alla sorella Alina. In quella sede, il 16 maggio 1944, probabilmente a causa di una delazione, si presentarono i tedeschi per arrestare i due fratelli. Nella concitazione del momento, Leone fu colpito da un attacco cardiaco e morì, mentre la sorella Alina, che riuscì fortunosamente a sfuggire alla cattura, gli sopravvisse meno di un mese, fino al 6 giugno 1944.

 Sempre in memoria di Leone Sinigaglia, si terrà  nel pomeriggio del 17 gennaio, alle 17,30 presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi”, un concerto dedicato al compositore.

Fra le altre pose di martedì 17 si segnalano le installazioni dedicate a Virginia Montalcini e a Franco Tedeschi (ore 11,15, via Parini 8 – presso il Liceo D’Azeglio), due studenti del Liceo classico “Massimo

 

D’Azeglio” di Torino, costretti ad abbandonare gli studi presso l’istituto in seguito alle leggi razziali del 1938.  Entrambi furono deportati nel 1944 ad Auschwitz. Qui Virginia non passò la selezione e fu uccisa

mentre Franco venne trasferito a Mauthausen, dove morì il 19 marzo 1945. La pietra dedicata a Luigi Rosso (ore 14,30, via Principessa Clotilde 74) di professione stampatore. Fu arrestato il 30 settembre 1944 probabilmente per motivi politici legati alla sua professione, venne inizialmente trasferito al campo di Bolzano. Il 14 dicembre 1944 venne deportato a Mauthausen, e in seguito trasferito a Melk, dove morì il 26 febbraio 1945.

Chiuderà le pose di Torino del 2017 l’installazione dedicata a Giovanni Roncaglio (mercoledì 18 gennaio ore 10,45 – via Vigliani 172) antifascista di vecchia data e di professione panettiere. Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 aderì alla Resistenza e nel 1944 divenne membro della SAP (Squadra di azione patriottica) Cavour, della quale fece parte anche il figlio Alessandro, nato nel 1927. Arrestato da italiani il 14 gennaio 1945, a causa di una delazione, insieme ai compagni e al figlio, venne detenuto alle carceri Nuove di Torino, quindi trasferito a Verona e infine deportato a Mauthausen, dove arrivò il 4 febbraio 1945. Dichiarò il mestiere di fornaio e venne classificato come “Schutz” (prigioniero per motivi politici). Poco dopo, il 17 febbraio, venne trasferito a Gusen, sottocampo di Mauthausen, dove morì il 26 marzo 1945.

 

In allegato il calendario completo delle pose di martedì 17 e mercoledì 18 gennaio.

È inoltre possibile visualizzare on line e geolocalizzare le pietre  presenti sul territorio cittadino collegandosi alla pagina pietre.museodiffusotorino.it . In questa sezione, oltre agli indirizzi delle pose, sono indicate le biografie delle vittime a cui sono dedicate le pietre d’inciampo di Torino.

 

Mercoledì 18 gennaio inoltre verranno posate quattro pietre nei dintorni di Torino: a Moncalieri in via Mirafiori 15, per Rinaldo Sattanino; ad Avigliana, in via San Pietro 26 per Renzo Suriani, in corso Dora 45 per Maurilio Borello, in via Moncenisio 53 per Giuseppe Bruno.

Il 19 gennaio infine, l’'ANPI di Avigliana organizzerà una cerimonia presso l'Auditorium Bertotto della scuola Defendente Ferrari, in via Cavalieri di Vittorio Veneto 3, dove saranno presenti e interverranno gli studenti dell'Istituto Galileo Galilei, i familiari delle vittime e i rappresentati dell'ANED e dell'ANEI. Chiuderà l'incontro il Sindaco di Avigliana Angelo Patrizio.

 

Come lo scorso anno,  gli studenti di dieci istituti scolastici torinesi di ogni ordine e grado sono stati coinvolti attivamente in un percorso didattico realizzato dal Museo in collaborazione con l’Istoreto la cui conclusione è prevista nelle settimane a ridosso del Giorno della Memoria 2017, con la realizzazione di eventi pubblici presso gli spazi del Polo del ‘900.

 

 

 

Per dedicare una pietra o per ricevere maggiori informazioni sul progetto è possibile telefonare ak numero 011 01120796 o scrivere all’indirizzo pietredinciampo@museodiffusotorino.it.

Per maggiori informazioni:

 www.museodiffusotorino.it/pietredinciampo

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop