Torino News

TORINO, 27 April 2017

Musica NARRAZIONI JAZZ 17-21 maggio - Torino: 5 giorni di musica dal vivo, incontri, letture, film

Nuovo festival culturale della città di Torino

narrazioni_jazz_17_21_maggio_torino_5_giorni_di_musica_dal_vivo_incontri_letture_film_news_torino_nazionale_torino_nazionale_piemonte_nazionale
Condividi

Mercoledì 17 maggio con lo spettacolo “Jass. Ovvero quando il jazz parlava siciliano” di Franco Maresco e Claudia Uzzo all’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto prenderà il via la prima edizione di NARRAZIONI JAZZ, il nuovo festival culturale orientato alla mescolanza di linguaggi, alle produzioni originali con anteprime ed esclusive.

Narrazioni Jazz esordisce collaborando fin dall’inaugurazione con un importante evento culturale torinese col quale condivide l’apertura: il Salone Internazionale del Libro di Torino. Il Festival, infatti, si svolgerà in modo parallelo e intrecciato, da mercoledì 17 a domenica 21 maggio, armonizzandosi con le esigenze della Fiera e contribuendo, nello stesso tempo, alla diffusione della rassegna in città attraverso il programma ‘Jazz per la Città 2017 e ‘Torino Jazz Night/Oltre i confini della notte che, per l’intera serata di sabato 20 maggio, porterà musica e letteratura nelle piazze, per le strade, nelle sale da concerto e nei locali.

Realizzato dalla Fondazione per la Cultura Torino con i main partner Intesa Sanpaolo e Iren, lo sponsor Poste Italiane, in collaborazione con il Salone Internazionale del Libro, il media partner Rai Radio 3, il Festival è attraversato dal rapporto tra il jazz e il racconto: un legame che a Torino è forte e ben testimoniato da alcuni importanti intellettuali e scrittori torinesi e piemontesi.

Il jazz - riconosciuto come “la  più libera tra le musiche” (Eduardo Galeano) - nel 2017 festeggia un compleanno importante: i 100 anni della registrazione del primo disco 78 giri di musica jazz. A inciderlo fu Nick La Rocca, siciliano di seconda generazione nato a New Orleans. Una ricorrenza che Stefano Zenni, direttore Artistico di Narrazioni Jazz, ha voluto celebrare con uno spettacolo di grande qualità. Il 17 maggio all’Auditorium Giovanni Agnelli del Lingotto, Franco Maresco coglierà l’occasione per raccontare la storia dei musicisti siculo-americani immigrati in America e del loro fondamentale apporto alla nascita del jazz. Dall’incontro fra la tradizione musicale della minoranza nera – con i suoi gospel, le marcette militari e i canti di lavoro nei campi – e quella siciliana fatta di musica da banda, opera lirica e reminiscenze arabe, nascerà la miscela esplosiva che prenderà il nome di jass.

“Nel 2017 il jazz festeggia l’importante compleanno dei cento anni del primo disco inciso - sottolinea Chiara Appendino Sindaca di Torino - e questa musica vanta una storia quasi altrettanto lunga anche qui a Torino, un legame che la nuova Amministrazione vuole mantenere e rafforzare. Questa città, culla del Salone del Libro e vivace centro di produzione del jazz italiano contemporaneo, rappresenta il luogo ideale per un progetto della portata di Narrazioni Jazz che, sono certa, incontrerà il favore del pubblico e di tutti i cittadini”.

I palcoscenici del main - dove si esibiranno sia i grandi nomi internazionali, sia i giovani talenti – saranno il Teatro Piccolo Regio Giacomo Puccini (tutti i pomeriggi alle ore 17.30 e anche sabato 20 maggio alle ore 22), l'Auditorium grattacielo Intesa Sanpaolo (domenica 21 maggio, ore 15.30), l’Auditorium Giovanni Agnelli al Lingotto (17, ore 20, 18 e 19 maggio, ore 21), il Conservatorio Giuseppe Verdi (20 maggio, ore 21) e la Chiesa di San Filippo Neri (21 maggio, ore 21).

Narrazioni Jazz offre un ventaglio di spettacoli molto diversi, ispirati al tema del racconto. Al Piccolo Regio Giacomo Puccini si esibiranno artisti del calibro di William Parker (18 maggio), Cristina Zavalloni con un concerto dedicato a Boris Vian (19 maggio) Napoleon Maddox, con un’esclusiva e prima italiana (20 maggio), Antonio Faraò Trio (20 maggio, ore 22) e Fabrizio Puglisi (21 maggio).

Narrazioni Jazz rappresenta una scommessa: far incontrare le arti, dialogare le eccellenze del territorio, offrire spazi alla creatività giovanile e, nello stesso tempo, esibire jazzisti di richiamo internazionale su palchi prestigiosi – afferma Francesca Leon assessora alla cultura -. Narrazioni Jazz è un contenitore plurale aperto alle innovazioni e partecipativo. I dieci progetti selezionati tramite la call sperimentale Jazz per la Città 2017, rivolta alle associazioni di Torino con lo scopo di coinvolgere il tessuto jazzistico attivo durante l’anno, arricchiscono ulteriormente il programma. Narrazioni Jazz collabora con il Salone Internazionale del Libro di Torino per la Torino Jazz Night / Oltre i confini della notte: l’intera serata del 20 maggio sarà una grande festa di musica e letteratura in giro per le strade, nelle piazze, nelle sale da concerto e nei locali. Ci aspetta un mese di maggio ricchissimo di eventi, caratterizzato da una straordinaria offerta culturale”.

Il 18 maggio, all’Auditorium Giovanni Agnelli, si esibirà la star della rassegna: Dee Dee Bridgewater. Il concerto è dedicato alla tradizione di Memphis, un progetto con cui la Bridgewater non si limita a scavare nelle sue radici, ma offre una rivisitazione innovativa di blues e classici R&B.

Tra le produzioni ad hoc per Narrazioni Jazz sono in calendario l’incontro tra Enrico Rava, Geri Allen e Anna Bonaiuto (Auditorium Giovanni Agnelli, Lingotto -19 maggio, ore 21) e il lavoro del Conservatorio su Hubert Selby Jr. (20 maggio, ore 21).

Domenica 21 maggio, alle ore 15.30, il palco dell’Auditorium del grattacielo Intesa Sanpaolo, ospiterà un attore e un quintetto di musicisti jazz: la scrittura ritmica e affilata di Vitaliano Trevisan (autore di racconti, romanzi, testi per il teatro oltre che attore e regista teatrale) si intreccerà con le musiche dei Malkuth. Alle 21, invece, la Chiesa di San Filippo Neri, accoglierà il grande concerto di Paolo Fresu, uno dei migliori esempi del jazz europeo contemporaneo.

“Narrazioni Jazz è un festival del tutto nuovo: nella collaborazione con il Salone Internazionale del Libro, nel concentrarsi sul rapporto con le altre arti, nelle modalità di coinvolgimento organizzativo e artistico del territorio – afferma Stefano Zenni, direttore artistico della rassegna -. È un festival fatto di eccellenze nazionali e internazionali che, tra produzioni originali ed esclusive affronta, tra le altre cose, due temi chiave del jazz: l'eredità della schiavitù e la natura multietnica di una musica plurale. Per questo Narrazioni Jazz è saldamente legato, in chiave artistica, spettacolare e critica, al nostro mondo contemporaneo”.

Contribuisce alla diffusione del festival nel capoluogo il programma ‘JAZZ PER LA CITTÀ 2017 – ATTIVITÀ MUSICALI DIFFUSE’ realizzato coinvolgendo il ricco tessuto artistico protagonista della vita jazzistica torinese.

 

Si tratta di una proposta unica nel suo genere, sperimentata usando una nuova modalità di coprogettazione tra l’Amministrazione comunale, organizzatrice della rassegna musicale, ed enti e associazioni che lavorano stabilmente sul territorio cittadino. La call - aperta da Città di Torino e Fondazione per la Cultura Torino, rivolta ad associazioni, scuole di musica ed enti operanti nel campo della musica jazz in maniera continuativa nella Città di Torino e nell’area metropolitana -, ha riscosso uno straordinario successo con ben 45 progetti candidati. I 10 selezionati  comprendono attività che vanno dalla propedeutica per i più piccoli alle produzioni originali, dalla mobilità sul territorio all’intreccio tra le arti, segno che anche nel jazz Torino si distingue come un vivace laboratorio culturale.

 

Di seguito l’elenco dei progetti selezionati: Baltea Sound Station - Jazz School Torino; Jazz is Dead! - Associazione ARCI, Comitato di Torino; Jorge Luis Borges, Zoo Experience - Cooperativa Sociale CLGEnsemble; Kind Of Jazz - Arcote Onlus; Oh my Jazz! - Associazione Tedacà; Quartieri in jazz - Associazione Culturale Torino Jazz City; Reading Sottosopra. Jazz Amore Supremo - Associazione Culturale Giardino forbito; Strange Fruit, l'altro del Jazz - Associazione Culturale Immagina; Coniglioviola. Ulysses and all that jazz - Associazione Culturale Kaninchen-Haus; Walkaboutjazz Smartrams (#STS7_Jazz) - Associazione Associazione Comala e Klug.

 

Tra i nomi di spicco all’interno dei progetti troviamo: Peter Brötzmann & Heather Leigh, Cecchetto, Ottolini, Petrella, Chris Jonas, Daniele Cavallanti, Guido Manusardi, Scott Hamilton, Claudio Lodati e Il Progetto di lettura su Joyce.

Sabato 20 maggio sarà la notte della TORINO JAZZ NIGHT: ospiti internazionali, tre percorsi ispirati a classici della letteratura, musica fino all’alba in più di venti location della città. Oltre trenta concerti animeranno il Parco del Valentino, piazza Vittorio Veneto e Vanchiglia in un susseguirsi di note e di energia, dal tardo pomeriggio fino alle prime luci del mattino.

“Abbiamo agito come un buon trio di jazz, portando ciascuno le proprie esperienze maturate in ambiti musicali anche molto diversi e cercato di realizzare un programma che, nel rispetto della musica e dei musicisti, potesse coinvolgere sia gli appassionati, sia il pubblico non abituato all’ascolto del jazz”, spiegano i musicisti curatori della notte bianca: Mauro Battisti, Mattia Barbieri e Gianni Denitto.

In un collegamento ideale con Narrazioni Jazz, tre capolavori letterari prestano il loro titolo ai filoni principali della notte bianca: Il Grande Gatsby, romanzo di Scott Fitzgerald ambientato negli anni che videro la nascita della musica afroamericana, è il filo conduttore dei concerti dedicati al jazz classico; Il giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne è il titolo che racchiude le esibizioni di world-jazz, alimentato dall’incontro tra le culture.        La sperimentazione e la commistione con l’elettronica e la dance sono simboleggiate dal percorso Fahrenheit 451, il romanzo di Ray Bradbury.

Ad accendere la notte arriveranno a Torino anche molti musicisti conosciuti in tutto il mondo: dallo spagnolo Chano Domínguez, star del flamenco-jazz e Grammy Award per il migliore album di Latin Jazz, al contrabbassista Greg Cohen che si esibirà con il trio della talentuosa chitarrista Eleonora Strino. Alla guida di una formazione italiana ci sarà anche il sassofonista Jon Gordon, considerato da Wayne Shorter e Phil Woods un degno erede dei grandi maestri del passato. Il chitarrista e compositore Pietro Ballestrero e il sassofonista e clarinettista Achille Succi presenteranno il progetto Roots, con un concerto che promette emozioni.

Lo Smartrams, un tram gratuito con a bordo musica dal vivo e dj set collegherà i luoghi della TORINO JAZZ NIGHT. Mappa e orari su www.smartrams.it.

Il programma annovera anche la presenza di marching band e di tanti ottimi interpreti piemontesi: quasi cento i musicisti coinvolti. Al Valentino arriveranno la musica travolgente dei Kokoroko (UK) e il mix di tradizione greca e di beat contemporanei degli Halay Lamba (Grecia). Nel concerto di Bassliner + Denitto si uniranno note dell’India e del Nord-Africa. Molti i progetti speciali: venerdì 19 maggio alle Officine Corsare si partirà con Toawards: jazz vs pop, di e con Manuela Grippi e Stefania Rosso. Sabato 20, invece, le Officine ospiteranno un altro progetto ad hoc, Pugile vs Paolo Porta & Alp King. Alle 2.30 del mattino sarà il momento di Mangaboo + Gnu Quartet. Tra gli eventi speciali anche gli appuntamenti di Interplay e Carlina On Stage, due manifestazioni che collaborano con Torino Jazz Night.

…e ancora,

due conferenze e una rassegna cinematografica. Al Circolo dei lettori, giovedì 18 maggio alle 16,  si svolgerà la presentazione-concerto del libro di Arrigo Cappelletti e, sabato 20 maggio alle 16, un incontro con Luca Bragalini dal titolo ‘Alabama. Una preghiera di John Coltrane’. Invece nella sala 3 del Cinema Massimo saranno  proiettati i film della rassegna La schiuma del jazz: dal razzismo a Boris Vian’.

La programmazione musicale di Radio3 durante il Salone Internazionale del Libro è curata da Narrazioni Jazz: dalle ore 14 alle ore 18 alcuni gruppi jazz selezionati dal festival saranno ospiti quotidiani dei programmi L’idealista e Fahrenheit all’interno dello Spazio Rai, Padiglione 3, Lingotto fiere.

 

SITO DEL FESTIVAL: www.narrazionijazz.it

 

#NJ2017

 

BIGLIETTERIA NARRAZIONI JAZZ - via San Francesco da Paola, 6

Tel. 01101124777tjftickets@comune.torino.it - www.vivaticket.it

 

GIORNI E ORARI DI APERTURA: da mercoledì 26 aprile

Lunedì/sabato 10.30-18.30 - chiusa lunedì 1 maggio - aperta domenica 21 maggio.

Il costo del servizio di acquisto è pari al 12% del prezzo del biglietto con un minimo di 1 euro. Se ancora disponibili i biglietti saranno posti in vendita 45 minuti prima dell’inizio dei concerti nella biglietteria della relativa sede.

Per i nati a partire dall’anno 2003 biglietti per tutti i concerti a 5 euro.

 

Da mercoledì 26 aprile biglietti in vendita anche da Infopiemonte via Garibaldi 2 tutti i giorni 10.00 - 17.00 - pagamento esclusivamente tramite POS.

 

Il servizio di prenotazione a € 5 per il concerto di mercoledì 17 maggio all’Auditorium Giovanni Agnelli termina alle ore 18.30 del giorno precedente il concerto. Se ancora disponibili, i tagliandi di ingresso saranno distribuiti gratuitamente FINO A ESAURIMENTO POSTI 45 minuti prima dell’inizio del concerto.

 

CONCERTI A INGRESSO GRATUITO

 

I tagliandi di ingresso saranno distribuiti contestualmente all’apertura della sala, nelle sedi di concerto e fino a esaurimento dei posti disponibili. La distribuzione dei tagliandi inizierà 45 minuti prima dello spettacolo. Fa eccezione il concerto di domenica 21 maggio all'Auditorium grattacielo Intesa Sanpaolo. Le informazioni per l’ingresso dei disabili (per i concerti con biglietto o prenotazione e per i concerti gratuiti in Conservatorio e nella Chiesa di San Filippo Neri) Tel. 01101124777 nei giorni e negli orari di apertura della biglietteria.





17 MAGGIO

INAUGURAZIONE DI NARRAZIONI JAZZ E DEL SALONE DEL LIBRO

20:00 Auditorium Giovanni Agnelli, Lingotto via Nizza, 280
JASS. OVVERO QUANDO IL JAZZ PARLAVA SICILIANO.
 

Uno spettacolo di Franco Maresco e Claudia Uzzo

Franco MarescoStefano Zenni, voci narranti
Melino Imparato, voce recitante
Salvatore Bonafede, pianoforte
Gabriele Mirabassi, clarinetto
Alessandro Presti, contrabbasso, tromba, cornetta

22:30 Palazzo Madama Piazza Castello
 
 

Il Salone Internazionale del Libro di Torino festeggia i suoi primi trent’anni.
Dal balcone di Palazzo Madama si darà il via alla Festa Mobile di letture che coinvolgerà tutta la città ospitando Eugenio Allegri con la sua lettura da Il Nome della Rosa di Umberto Eco, romanzo che verrà portato in scena allo Stabile di Torino dall’attore già protagonista di Novecento di Baricco con debutto il 23 maggio.

A seguire, evento musicale con Gian Luigi Carlone, Giorgio Li Calzi e Johnson Righeira. Un trio improbabile e radicale in un viaggio al limite dell’eresia in un’Italia senza barriere,
stravolge con approccio minimale ed elettronico alcune fondamentali canzoni italiane degli ultimi 40 anni: Enzo Del Re, Ricchi e Poveri, Dario Fo, Fabrizio De Andrè e Skiantos.
Un momento di storia dell’Italia reale, passata e presente, raccontato con un suono compatto, omogeneo e innovativo, a metà strada tra sperimentalismi elettronici, jazz e ambient music.

Gian Luigi Carlone, voce, flauto, sax soprano, fischio
Giorgio Li Calzi, tromba, vocoder, elettronica, arrangiamenti
Johnson Righeira, voce, theremin

23:30 Spazio ex Incet via Cigna, 96/17
 
 

Esibizione di 2manydjs: ovvero i fratelli belgi Stephen e David Dewaele, diventati celebri per i loro set all’insegna di una dance che riesce a far convivere brani di ogni genere, da Iggy Pop a Madonna passando per i Nirvana e i Salt’n’Pepa, mescolando house, rock, grunge, pop, punk, elettronica.

In collaborazione con TOdays
Ingresso € 10,00
Acquista qui  il tuo biglietto

18 MAGGIO

17:30 Piccolo Regio Giacomo Puccini Piazza Castello, 215
A LOVE, NAKED
 

Omaggio a A Love Supreme

William Parker, contrabbasso
Hamid Drake, batteria
Ospite Napoleon Maddox, voce

21:00 Auditorium Giovanni Agnelli, Lingotto via Nizza, 280
DEE DEE BRIDGEWATER “MEMPHIS”
 

Dee Dee Bridgewater, voce
Curtis Pulliam, tromba
Arthur Edmaiston, sassofono
Dell Smith, pianoforte
Charlton Johnson, chitarra
Barry Campbell, basso
James Sexton, batteria, direttore
Sharisse NormanShontelle Norman-Beatty, seconde voci

19 MAGGIO

17:30 Piccolo Regio Giacomo Puccini Piazza Castello, 215
BORIS VIAN IL POETA SINCOPATO
 

Spettacolo di jazz, canzoni e poesia

Cristina Zavalloni, voce
Gianpaolo Casati, tromba
Pietro Tonolo, ance, arrangiamenti, composizioni
Furio Di Castri, basso, arrangiamenti, composizioni
Paolo Birro, pianoforte, tastiere e fisarmonica
Enzo Zirilli, batteria
Paulina Gomis, voce recitante

21:00 Auditorium Giovanni Agnelli, Lingotto via Nizza, 280
STORIE DI JAZZ
 

Enrico Rava, tromba
Geri Allen, pianoforte
Anna Bonaiuto, voce recitante
Testi scelti da Guido Michelone

20 MAGGIO

17:30 Piccolo Regio Giacomo Puccini Piazza Castello, 215
NAPOLEON MADDOX “TWICE THE FIRST TIME”
 

Schiavitù e libertà: la doppia storia di Millie-Christine

Is What ?!
Napoleon Maddox, voce
Sorg, elettronica, effetti
Jean-Marc Blanc, sassofono contralto
Dave Kane, contrabbasso
Hamid Drake, batteria
DJ Menas, giradischi
Florian Ease Sabatier, video

21:00 Conservatorio Giuseppe Verdi piazza Bodoni
ULTIMA FERMATA A BROOKLYN
 

Giampaolo Casati, tromba
Emanuele Cisi, sassofono
Pino Russo, chitarra
Alessandro Cisarò, pianoforte
Furio Di Castri, contrabbasso
Enzo Zirilli, batteria

22:00 Piccolo Regio Giacomo Puccini Piazza Castello, 215
ANTONIO FARAÒ TRIO
 

Antonio Faraò, pianoforte
Martin Gjakonovski, contrabbasso
Gary Husband, batteria

21 MAGGIO

15:30 Auditorium grattacielo Intesa Sanpaolocorso Inghilterra, 3
SHORT-CUTS IN JAZZ
 

Vitaliano Trevisan, autore e attore
Malkuth
Mirko Cisilino, tromba
Filippo Orefice, sassofono tenore
Filippo Vignato, trombone
Mattia Magatelli, contrabbasso
Alessandro Mansutti, batteria
Proiezione delle tavole di Squaz

17:30 Piccolo Regio Giacomo Puccini Piazza Castello, 215
FABRIZIO PUGLISI “GUANTANAMO”
 

Fabrizio Puglisi, pianoforte, synth ARP
Pasquale Mirra, vibrafono
Davide Lanzarini, contrabbasso
Danilo Mineo, percussioni
William Simone, batà, percussioni
Gaetano Alfonsi, batteria
Venus Rodriguez, voce

21:00 Chiesa di San Filippo Neri via Maria Vittoria, 5
ALTISSIMA LUCE
 

Il Laudario di Cortona
secondo Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura

Paolo Fresu, tromba, flicorno, effetti
Daniele di Bonaventura, bandoneon, effetti
Marco Bardoscia, contrabbasso
Michele Rabbia, percussioni, laptop
Orchestra da Camera di Perugia
Gruppo vocale Armoniosoincanto
Franco Radicchia, maestro del coro



JAZZ PER LA CITTÀ – 10 PROGETTI

 

Newspettacolo suggerisce

 

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop