Torino News

TORINO, 26 April 2018

Musica Torino Jazz Festival 2018 programma sabato 28 aprile main e JAZZ clHUB

Franco D’Andrea, Carla Bley, Alberto Guarissi, Adam Nussbaum, Seamus Blake

torino_jazz_festival_2018_programma_sabato_28_aprile_main_e_jazz_clhub_news_torino_torino_piemonte
  13 - Carla Bley h. 21 OGR SET II - foto di Klaus Muempfer
Condividi

Uno dei pianisti italiani più riconosciuti a livello internazionale, Franco D’Andrea, suonerà con il suoottetto sabato 28 aprile alle 17.30 al Conservatorio Giuseppe Verdi

Alle Ogr, alle 21, sarà la volta di due produzioni originali: l’hammondista Alberto Gurrisi, il batterista Adam Nussbaum e il sassofonista Seamus Blake. E a seguire un concerto - “The Turin Project Reloaded” con Carla Bley & The Torino Jazz Orchestra Feat. Steve Swallow. 

Il concerto sarà dedicato a Maurizio Braccialarghe prematuramente scomparso il 2 gennaio scorso che negli anni passati alla guida dell’Assessorato comunale alla cultura aveva inteso restituire visibilità al fermento musicale locale ideando il Torino Jazz Festival.

 

PROGRAMMA

SPECIAL

Ore 12:00 - Brunch con concerto a seguire

Laboratori Di Barriera, VIA BALTEA 3

CARAVAN TRIO PRESENTA CARAVAN 

Anaïs Drago, violino - Yendry Fiorentino, voce - Federico “Chicco” Tosi, contrabbasso - Lorenzo Panero, chitarra manouche - Oliver Crini, chitarra manouche - Vittorio Ostorero, chitarra manouche 

 

Nato come trio manouche nel 2009 il gruppo negli anni è cresciuto sia artisticamente che di numero, nascondendo dietro la bandiera della musica gitana passioni musicali molto differenti che passano dal reggae alla musica classica, dall’elettronica al rock, dal jazz al folk. I tre fondatori Federico, Lorenzo e Vittorio hanno dapprima incontrato nel loro cammino Oliver, che ha rafforzato il tessuto ritmico dell’ensemble, poi Yendry e la sua calda voce direttamente dai mari caraibici, infine Anais, giovanissima violinista piena di talento. Il gruppo presenta il disco Caravan: una sfida originale che filtra le sonorità manouche senza rinunciare al suono arrangiato e curato, tipico della musica pop. Info: tel. 0112074514; facebook @viabaltea3 

INGRESSO GRATUITO

 

CONCERT

Ore 17:30 - Conservatorio Giuseppe Verdi, PIAZZA BODONI 

FRANCO D’ANDREA OCTET “INTERVALS”

Franco D’Andrea, clarinetto - Andrea Ayassot, fisarmonica -  Daniele D’Agaro, kaval - Mauro Ottolini, tastiere, gadulka - Enrico Terragnoli, chitarra - Aldo Mella, batteria
Zeno De Rossi, voce - Dj Rocca (Luca Roccatagliati), voce 

Nella musica di Franco D’Andrea sono confluite le esperienze del Novecento Storico, soprattutto della Seconda Scuola di Vienna, la musica africana, l’avanguardismo americano e molto altro ancora, eppure la sua prospettiva è squisitamente jazzistica e oggi il suo lavoro è un caposaldo della scena contemporanea. Con D’Andrea siamo in presenza di una istituzione del jazz italiano, in grado di stupirci ogni volta con la sua creatività, premiata da un unanime consenso di critica e pubblico. Accompagna D’Andrea in questo nuovo capitolo della sua avventura musicale un ottetto composto da musicisti che rappresentano il meglio
 del panorama italiano. Il suo ultimo lavoro, Intervals (Parco della Musica Records), è il culmine di una ricerca di lungo corso che non produce risposte, ma ogni volta nuove esplorazioni. La musica di Intervals è il magmatico flusso di coscienza di un ottetto che «respira come fosse un unico individuo». D’Andrea ha sempre amato ampliare le possibilità timbriche di ogni strumento portandolo all’estremo delle proprie possibilità, fin quasi a farlo diventare altro. In Intervals per la prima volta D’Andrea si cimenta con una formazione comprendente sia strumenti acustici che elettronici. L’apporto di Dj Rocca e Enrico Terragnoli amplia l’orizzonte timbrico dell’ottetto. Grazie a ciò -e alla libertà concessa da D’Andrea ai musicisti- i suoni acustici ed elettronici convivono in modo naturale. Prima assoluta del progetto discografico Intervals 

POSTO UNICO NUMERATO € 5,00 

 

JAZZ clHUB 

Ore 19:00 - Osteria Rabezzana , VIA SAN FRANCESCO D’ASSISI 23/C

GIULIO CAMARCA JAZZ TRIO FEAT. PAOLO PORTA “I REMEMBER WES” 

Giulio Camarca, chitarra elettrica - Massimo Camarca, basso elettrico - Gian Paolo Petrini, batteria - Paolo Porta, sassofoni 

Scomparso esattamente cinquant’anni fa, nel 1968, John Leslie “Wes” Montgomery è universalmente riconosciuto come uno dei maggiori chitarristi nella storia del jazz. Questo concerto vuole essere un omaggio alla sua musica, filtrata attraverso l’energia combinata di Camarca e dell’ospite Paolo Porta. Camarca, uno dei decani della chitarra jazz italiana, ha suonato con Tullio De Piscopo e Chet Baker; è autore di manuali per chitarra rock e jazz, organizza la era International Vintage Guitar Show e continua la sua straordinaria attività live.  Info prenotazione concerto e/o cena: tel 011543070; info@osteriarabezzana.it - www.osteriarabezzana.it  

INGRESSO GRATUITO 

 

JAZZ clHUB 
Ore 19:00 - Le Ginestre, VIA VALPRATO 15
GEBBIA, ANELLI, BERNE’ TRIO “COMPLESSO” 
Gianni Gebbia, sassofoni - Michele Anelli, contrabbasso - Emilio Bernè, batteria 
Una consolidata ritmica torinese e un ospite d’eccezione dalla Sicilia. Gianni Gebbia, autodidatta, nel 1980 si trasferisce a New York dove viene direttamente in uenzato dalle esperienze di contaminazione radicale della “no wave” e dal jazz della loft scene animata da Sam Rivers. Nel 1990 partecipa in solo al Total Music Meeting di Berlino della FMP accanto a musicisti come Steve Lacy e Lindsay Cooper. Nello stesso anno viene votato come miglior nuovo talento nel referendum della rivista Musica Jazz. Per questa occasione a Gebbia si a anca una ritmica che costruisce strutture di diversa natura liberandosene come input per idee successive. 

 

Info: tel. 0112359854; leginestrejazzclub@gmail.com  
INGRESSO GRATUITO CON TESSERA ANCOS

 

CONCERT

Ore 21:00 - OGR – Officine Grandi Riparazioni, CORSO CASTELFIDARDO 22 

SET I

ALBERTO GURRISI TRIO FEAT. SEAMUS BLAKE / ADAM NUSSBAUM

Alberto Gurrisi, organo Hammond - Seamus Blake, sax tenore - Adam Nussbaum, batteria

Il trio nasce dall’incontro tra il giovane organista Alberto Gurrisi e un grande esponente della batteria jazz a livello mondiale come Adam Nussbaum,
 un musicista che ha suonato con i più importanti jazzisti americani degli ultimi decenni, da Gil Evans a John Scofiled. Il sound dell’organo hammond evoca colori degli anni ‘60, ma viene inserito in un contesto espressivo contemporaneo attraverso le composizioni originali e la rilettura fresca e intrigante di alcuni standard della tradizione. La voce solista è a data al sax di Seamus Blake, attivissimo sulla scena newyorkese e protagonista del jazz contemporaneo da oltre vent’anni. Un trio esplosivo per un concerto riassumibile in una parola: groove! Produzione Originale TJF 
BIGLIETTO UNICO PER ENTRAMBI I SET 
Posti numerati € 12,00/8,00 

 

A seguire
SET II

CARLA BLEY & THE TORINO JAZZ ORCHESTRA, FEAT. STEVE SWALLOW 
“THE TURIN PROJECT RELOADED” 
Carla Bley, 
pianoforte, leader - Steve Swallow, basso elettrico - 
The Torino Jazz Orchestra - Fulvio Albano, direzione, sax tenore - Claudio Chiara, Valerio Signetto, Gianni Virone, Helga Plankensteiner, sassofoni - Rudi Migliardi, Luca Begonia, Stefano Calcagno, Gianfranco Marchesi, tromboni - Fernando Brusco, Silvio Barbara, Vito Giordano, Claudio Corvini, trombe - Adam Pache, batteria - Fabio Giachino, organo hammond

Carla Bley torna sul palco del TJF insieme Steve Swallow, suo partner musicale e nella vita. I due artisti, a ancati dalla Torino Jazz Orchestra, eccellenza del jazz “made in Piemonte”, ripropongono il completamento del“Turin Project”, presentato in occasione della prima giornata internazionale UNESCO del jazz, il 30 aprile 2012, quando il pubblico del festival riuscì ad assaporare solo alcuni brani del concerto, interrotto dal maltempo. Al riparo delle OGR, Carla, Steve e la TJO si riuniscono per una performance “aggiornata” che include le più recenti composizioni dell’artista. Carla Bley Figura di spicco del free jazz negli anni Sessanta, nel decennio successivo fonda una big band tuttora attiva sulla scena internazionale e le sue composizioni sono state riprese da jazzisti di fama in tutto il mondo.
Steve Swallow Bassista, contrabbassista e compositore, Steve Swallow è stato un pioniere del basso elettrico, del quale predilige la variante a cinque corde. Principale partner musicale di Carla Bley sin dal 1978, più volte vincitore dei sondaggi della rivista Down Beat, per la categoria “basso elettrico”.    

Torino Jazz Orchestra - E’ l’eredità lasciata da Gianni Basso, uno dei grandi del jazz italiano. Per il Torino Jazz Festival ha suonato con Dionne Warwick, Diane Schuur e la Mingus Dynasty. 

Concerto in ricordo di Maurizio Braccialarghe, ideatore del Torino Jazz Festival

Produzione Originale TJF 
BIGLIETTO UNICO PER ENTRAMBI I SET 
Posti numerati € 12,00/8,00 

 

SPECIAL

Ore 21:00 - Jazz Club Torino, PIAZZALE VALDO FUSI

LINDY HOP NIGHT @ JCT 52nd Street quartet

Sergio Di Gennaro, pianoforte - Cesare Mecca, tromba - Davide Liberti, contrabbasso 

Paolo Franciscone, batteria 

E’ passato un decennio da quando il Jazz Club Torino ha iniziato a trasmettere al pubblico cittadino la passione per il lindy hop, il ballo swing più scatenato e trendy 
del momento. Non poteva quindi mancare una serata dedicata a questa danza e allo stile musicale che l’accompagna. Info e prenotazione cena: tel. 011882939; www.jazzclub.torino.it  

INGRESSO GRATUITO

 

JAZZ clHUB 

Ore 23:30 - Jazz Club Torino, PIAZZALE VALDO FUSI

THE ART OF PEPPER “TRIBUTO AD ART PEPPER” 

Claudio Chiara, sax contralto - Nico Menci, pianoforte - Roberto Piccolo, contrabbasso

Gianni Cazzola, batteria - Featuring: Fulvio Chiara, tromba 

Art Pepper è una leggenda nel panorama jazz degli anni Cinquanta. Vita privata e musicale non avevano con ni: l’una confluiva nell’altra in maniera devastante. La sua musica, influenzata agli inizi da Charlie Parker, trovò poi una propria sua strada e un suono distintivo. Il quartetto The Art Of Pepper rende omaggio a questo grande improvvisatore della musica afroamericana. 

Info e prenotazione cena: tel. 011882939 ; www.jazzclub.torino.it

INGRESSO GRATUITO

 

JAZZ clHUB 

Ore 23:30 - Il Convivio del Filo Illogico, VIA SCARLATTI 2

MAX GALLO TRIO FEAT.NICHOLAS THOMAS “GUITAR –VIBRAPHONE SOUND” 

Nicholas Thomas, vibrafono - Max Gallo, chitarra elettrica - Giorgio Allara, contrabbasso - Nicola Stranieri, batteria 

Max Gallo, tra i più rappresentativi chitarristi jazz mainstream italiani, vanta una lunga striscia di collaborazioni con artisti internazionali da Scott Hamilton a Byron Landham. Incontra per l’occasione Nicholas Thomas, uno dei più affermati vibrafonisti europei. La particolare e non usuale sonorità chitarra vibrafono ha dato al jazz memorabili incontri, come quello tra Wes Montgomery e Milt Jackson e si rinnova in un concerto che parte da standard rivisitati appositamente. 

Info: 
tel. 3204211256; facebook@ilconviviodelfiloillogico 

INGRESSO GRATUITO CON TESSERA FEDERITALIA 

 

JAZZ clHUB 

Ore 23:30 - Mad Dog, VIA MARIA VITTORIA 35

CONTIGO EN LA DISTANCIA “FLORICANTO” 

Barbara Raimondi, voce - Roberto Taufic, chitarra - Enzo Zirilli, batteria e percussioni 

Il live prende le mosse dall’ultimo lavoro discografico del trio Contigo en la distancia, che propone un repertorio di musica latina nel senso più ampio del termine: la scelta corre fra canzoni sudamericane di lingua spagnola, andando a rivisitare la meravigliosa tradizione melodica degli anni Quaranta e Cinquanta e brani brasiliani scelti fra i più intensamente comunicativi. L’intero repertorio è affrontato con intenzione jazzistica, ma anche con la passione ed emotività che questo genere di musica porta con sè. 

Info:
 tel.011 8120874; prenotazioni@themaddog.it  

INGRESSO GRATUITO CON TESSERA MSP ITALIA 

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop