Torino News

TORINO, 12 November 2018

Musica PINO RUSSO e DINO PELISSERO feat AGA YANO (Polonia) Capolinea 8 Torino Giovedì 15 novembre 2018

Un trio d’eccezione per un repertorio di world music

pino_russo_e_dino_pelissero_feat_aga_yano_polonia_capolinea_8_torino_giovedi_15_novembre_2018_news_torino_torino_piemonte
Condividi
Indicazioni di contatto
Capolinea 8
Via Maddalene,42
Torino 
340 499 1973  Link al sito 

Giovedì 15 novembre
PINO RUSSO e DINO PELISSERO feat AGA YANO (Polonia)
Un trio d’eccezione per un repertorio di world music 
CAPOLINEA 8 Torino

Il duo composto da Pino Russo (chitarra) e Dino Pelissero (flautista, polistrumentista) propone uno spettacolo incentrato sulla world music. Oltre a brani di loro composizione e di ispirazione africana, indiana, mediorientale propongono riarrangiamenti di musiche di Miles Davis, Peter Gabriel, Pat Metheny ed altri. Oltre al flauto e alla chitarra, vengono suonati flauti di varia provenienza, kalimbe africane e un pizzico di elettronica. Il duo vanta concerti insieme da più di 30 anni in Italia ed all’estero, in teatri e clubs. In questa occasione si arricchisce della presenza della percussionista polacca Aga Yano, diplomata in percussioni classiche e grande appassionata di world music, jazz, soul. Molto spazio viene lasciato all’improvvisazione che spesso li porta ad inoltrarsi anche nei territori della classica o nelle atmosfere sudamericane, giapponesi, cinesi, contemporanee.

Dino Pelissero. Flautista, polistrumentista (kalimba, sanza, mbira ,tin wistle, indian flûte, piccola Cora, sinth ed elettronica. Compositore, musico terapeuta di scuola indiana. Dopo una breve formazione classica iniziata con il flauto dolce e poi col flauto traverso, si dedica dal 1980 alla ricerca della musica etnica mondiale. Nel 1985 inizia ad interessarsi al jazz e parallelamente alla musica elettronica ed "ambient". Si esibisce in Italia, Francia, Inghilterra, Austria, Svizzera con una miriade di musicisti jazz, reggae, pop, soul. Dino Pelissero ha suonato in svariati teatri e festivals fra cui ricordiamo: festival internazionale Villa Faraldi, Venezia film festival, Arezzo wawe, Tavagnasco rock, JVC jazz festival Torino, Teatro nuovo Torino, Teatro Alfieri, Teatro Colosseo, Auditorium Lingotto e molti altri... A Londra incontra Dick Hekstaill Smith, già sassofono dei mitici "Colosseum" e con lui si esibisce in tour inglese ed italiana. Sempre a Londra l'incontro con il maestro indiano "Sri Vemu Mukunda" con cui inizierà dal 1984 una lunga collaborazione come musico terapeuta e in un disco (Nada yoga). Numerose le altre collaborazioni con musicisti di fama internazionale: Alfredo De La Fe (Cuba), Nilton Castro, Carl Potter, Tullio de Piscopo, Alfredo Paixao, Osanna, Armando Corsi, Pino Russo, Peppino Dagostino, Shanti, Giulio Camarca, Flavio Boltro nelle prime jam giovanili, Manomanouche e molti altri. 

Pino Russo eclettico chitarrista, concertista, compositore, arrangiatore, e insegnante.
Laureato in Biologia con una tesi in Farmacologia Sperimentale (in questo campo ha maturato alcune pubblicazioni prima di laurearsi) studia la chitarra classica con il M° Giorgio Tonin, Jazz ed Improvvisazione con il M° Gianni Negro, Composizione con il M° Aldo Sardo e partecipa a numerosi seminari di chitarra jazz con alcuni dei più illustri chitarristi (tra i quali Barney Kessel, Tal Farlow, Ralph Towner, John Abercrombie, Philippe Caterine, Larry Coryel, Birelli Lagrine, Lee Konitz).
Consegue inoltre il Diploma di Chitarra Classica presso il Conservatorio A. Vivaldi di Alessandria e si laurea in Jazz con 110/110 al Conservatorio G. Verdi di Torino.
Doti strumentali non comuni e feeling jazzistico penetrante e scaltro (Paolo Piangiarelli), è stato soprannominato un’orchestra a sei corde (Aldo Sardo) per la concezione estremamente dinamica della produzione sonora e del “gesto” chitarristico.
Nella sua lunga carriera ha inoltre sviluppato un’intensa ricerca timbrica sulla chitarra classica amplificata esplorando linguaggi musicali diversi e a prima vista antitetici tra loro, creando un proprio stile e una nuova modalità di espressione artistica.
Credits: Pino Russo è dimostratore unico per l’Italia delle chitarre classiche Yamaha Gran Concerto ed endorser della Lengardo.

Collaborazioni: Barney Kessel, Tal Farlow, Franco Cerri, Bill Cobham, Enrico Rava, François Jeanneau, Tullio De Piscopo, Ornella Vanoni, Gianni Basso, Flavio Boltro, Alfredo De La Fé, Karl Potter, Tony Man, Dino Contenti, Aldo Zumino, Felice Reggio, Dick Heckstall Smith, Elena Casoli, Dora Filippone, Lucia Minetti, Giovanna Gattuso, Pilar de La Hoz, Andrea Ayassot, Augusto Martelli, Pinuccio Pirazzoli, Gipo Farassino, FFFortissimo Guitar Ensemble, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Rai, Canale 5 e altri.

CAPOLINEA 8
Via Maddalene 42 bis
Torino - info. 340 499 1973
Aperto tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle 19 alle 03

Torna in grande stile il Capolinea 8, una delle più vecchie birrerie di Torino: il locale nasce nell’agosto del 1975 all’interno del Borgo della vecchia Manifattura Tabacchi a pochi metri dalla fermata del capolinea del tram n°8 dal quale fedelmente trae il nome. La caratteristica area pedonale di via Maddalene è oggi uno dei borghi più belli di Torino.
Dalla trasformazione di un vecchio bar-vineria, il Capolinea8 diventa da subito luogo di ritrovo degli appasionati di musica Jazz. Negli anni ‘80 è il caposaldo del Jazz torinese e vi si esibiscono artisti di consacrata fama mondiale quali Cedar Walton, Billy Higgins, Chet Baker, Roy Haynes, Enrico Rava, Franco Cerri, Flavio Boltro, Furio Di Castri, Felice Reggio per citarne alcuni.

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop