Torino News

TORINO, 14 November 2018

Musica Gli appuntamenti di Musiche in Mostra a Genova e a Torino - 17 e 18 novembre 2018

ingresso libero e gratuito

gli_appuntamenti_di_musiche_in_mostra_a_genova_e_a_torino_17_e_18_novembre_2018_news_torino_torino_piemonte
Condividi

Sabato 17 novembre, ore 16.30

Museo d'Arte Orientale Edoardo Chiossone, Genova 

LUCE RITIRATA

Tra teatro e musica, un concerto "al femminile" alla luce del tramonto con la cantante e attrice Claudia Grimaz e il pianista Andrea Rucli 

La composizione è donna: il concerto di Musiche in Mostra alla luce del tramonto, con gli esecutori stagliati verso occidente davanti alla grande vetrata del Museo d'Arte Orientale di Genova, è tutto declinato al femminile. Da Claudia Grimaz, una delle più ricercate cantanti e interpreti di musica colta ed extra-colta a livello internazionale, alle tre compositrici coinvolte: Ella Adaïewski, Alma Mahler e la veneziana Letizia Michielon. Ella Adaïewski è la compositrice russa di natali, ma naturalizzata tedesca, ignota al grande pubblico, eccellente nei suoi Lieder scritti a inizio Novecento, riscoperta dall'Associazione Sergio Gaggia di Cividale del Friuli. Alle sue composizioni si accostano gli splendidi e intensi "Fünf Lieder" del 1911 di Alma Mahler, già moglie del grande Gustav, e, con una proiezione ai nostri giorni, un delizioso "Hommage à la femme sculpteur Camille Claudel" della nostra contemporanea Letizia Michielon. 

 

Il concerto è organizzato da Rive-Gauche Concerti in co-progettazione con l'Associazione Pasquale Anfossi e in collaborazione con l'Associazione Sergio Gaggia

 

Luce ritirata

Claudia Grimaz e Andrea Rucli 

Claudia Grimaz, voce

Andrea Rucli, pianoforte

 

Programma

. Ella Adaïewski (1946-1926)

Tre Rondel (1880) - I. Dieu! Qu'il la fait bon regarder. II. Au printemps. III. Rondel Allez-vous en, allez, allez. Testi di Charles Duc d'Orleans.

Sarabande

Minuetto

Serenade "Schönheitszauber"

Da "XXIV Preludi per pianoforte e voce" (1907) - I. Inschrift. II. Erster Schnee. III. Rasche Fahrt. IV. Die Wüste. V. Das Lied der Frauen. VI. Friede auf dem Athosberg. VII. Weihnachtsgesang. VIII. Oktober. IX. Worte. X. Von Hörensagen. XI. Die Tanne. XII. Voraussetzung. Testo di Benno Geiger.

. Letizia Michielon (1969)

Luce ritirata (2013)*

Hommage à la femme sculpteur Camille Claudel. Testi di Monica Pavani.

. Alma Mahler (1879-1964)

Fünf Lieder (1911)

I. Die stille Stadt. II. In meines Vaters Garten. III. Laue Sommernacht. IV. Bei dir ist es traut. V. Ich wandle unter Blumen. Testi di Richard Dehmel, Gustav Falke, Otto Erich Hartleben, Heinrich Heine, Rainer Maria Rilke.    

 

* nuova composizione

 

CLAUDIA GRIMAZ

Claudia Grimaz è interprete dal 1989, cantante e attrice. Nel '95 è la corifea ne "I Turcs tal Friul" di P.P. Pasolini con la regia di Elio de Capitani. L'autrice delle musiche è Giovanna Marini, e per quest'ultima seguiranno altri lavori: partecipa, infatti, nel '96 a "Orestejia", regia di Franz Marijnen per il Teatro Reale Fiammingo di Bruxelles; nel '98 ricopre il ruolo di "Argentina" a "La bague Magique", opera dall'omonimo libretto goldoniano per l'opera di Nancy con la regia di J.C. Berutti e nel '99 a "Le Coefore" di Eschilo per la regia di Elio de Capitani. Nel settembre 2002 partecipa alla Biennale di Venezia come cantante per le Commissioni di nuova musica e l'anno successivo è protagonista, con il ruolo di "Caterina" nell'opera "Antinesca" di Giulia D'Andrea. Nel 2004 si diploma al Conservatorio di Udine con Cristina Mantese e nel 2006 inizia la collaborazione con l'ensemble vocale Oktoechos. Per la Dynamic registra in prima mondiale le musiche di Ella von Schultz Adaïewsky ed è Colombina ne "La Pantomima rinata" presentata dall'Associazione Gaggia ai Concerti del Quirinale nel 2010.

 

ANDREA RUCLI

Pianista, si è diplomato al Conservatorio Cherubini di Firenze con il massimo dei voti e la lode, sotto la guida di Alessandro Specchi. Vincitore in numerose competizioni pianistiche di primi e secondi premi, suona da più di 25 anni sia come solista che in svariate formazioni cameristiche, collaborando con figure di primo piano del concertismo. È stato primo allievo, poi partner in duo pianistico e assistente per più di 10 anni del pianista russo Konstantin Bogino, mentre ora continua da diversi anni un sodalizio di arte e amicizia con il violinista e compositore Vladimir Mendelssohn. Ha partecipato a prestigiosi festival di musica da camera, ha inciso su cd brani cameristici e, in prima mondiale, ha registrato opere per pianoforte solo e di musica da camera della compositrice russa Ella Adaïewsky. Nel 2010 e 2013 si è esibito per i "Concerti del Quirinale" presentando rispettivamente "La Pantomima Rinata", ricostruzione musicale di Vladimir Mendelssohn della Pantomima K446 di Mozart, con una commedia dell'arte appositamente scritta da Quirino Principe e un programma costruito per il Giorno del Ricordo.  

 

Domenica 18 novembre, ore 16.30

Borgo Medievale, viale Virgilio 107, Torino

ROSSINI, IL FOLLE 

Parole, gesti, musica, follie, ironie e lagne, nel concerto del Duo Alterno con le narrazioni immerse del musicologo e drammaturgo Sandro Cappelletto

 

Era folle Rossini? A 150 anni dalla morte del compositore, Musiche in Mostra metterà in scena uno spettacolo di "pazzia organizzata", come Stendhal definì l'opera di Gioachino Rossini, dove parole, gesti e musica incontrano follie, ironie e lagne per un evento più unico che raro con il Duo Alterno (reduce da due tournée tra Kuala Lumpur, Yangon, Toronto e Filadelfia) e il musicologo e drammaturgo Sandro Cappelletto, qui nelle vesti dello stesso Rossini. L'ultimo periodo creativo del grande compositore pesarese, quello parigino che segue al suo abbandono repentino dell'opera, diventa spunto di ispirazione per i lavori di tre autori viventi: l'argentina Marcela Pavia si ispira, in particolare, alle "follie", Domenico Turi alle "ironie" e Riccardo Piacentini alle "lagne". Tre aspetti quasi patologici del Rossini dei "Péchées de vieillesse" individuati da Cappelletto. 

 

Il concerto è organizzato da Rive-Gauche Concerti in collaborazione con Borgo Medievale di Torino

 

Rossini, il folle 

Sandro Cappelletto e il Duo Alterno

Tiziana Scandaletti, soprano

Riccardo Piacentini, pianoforte e foto-suoni

Sandro Cappelletto, narrazioni immerse

 

Programma

. Gioachino Rossini (1792-1868)

Il rimprovero (Mi lagnerò tacendo), da "Soirées musicales" n.2 (1834). Testo di Pietro Metastasio, per soprano e pianoforte

Arietta all'antica, dedotta dal "O salutaris hostia" da "Miscellanée de musique vocale" n.7 (1859), per voce e pianoforte 

. Marcela Pavia (1957)

Non lo sperar da me (2018)*, per soprano, voce narrante e pianoforte

. Gioachino Rossini

Memento homo

Assaiz de memento, da "Album pour les enfants adolescents", vol.7, nn.3 e 4 (QR 1960), per pianoforte

O salutaris hostia, da "Petite messe solemnelle" (1863), per voce e pianoforte

. Domenico Turi

Cra cra, bum bum, tac tac - kaimakan (2018)*, per voce narrante e pianoforte

. Gioachino Rossini

Adieu à la vie: elegie sur une seule note da "Album français", n.9 (QR 1956), per soprano e pianoforte

. Riccardo Piacentini (1958)

Tacerò lagnandomi (2018)*, per voce narrante, pianoforte e foto-suoni

 

*nuova composizione

 

SANDRO CAPPELLETTO

Nato a Venezia nel 1953, Sandro Cappelletto è giornalista, critico musicale, scrittore e drammaturgo. Dopo gli studi al Conservatorio e la laurea in Lettere e Filosofia all'Università di Milano, ha diretto nel biennio 1999-2000 il settore drammaturgia e didattica del Teatro dell'Opera di Roma. Collabora con la Rai, nella cura di programmi radiofonici ad argomento musicale, con i quotidiani La Stampa e Le Monde ed è autore di trasmissioni per Radio 3. Intense sono le attività di scrittura per il teatro e le collaborazioni con numerosi compositori contemporanei, tra cui Matteo D’Amico e Claudio Ambrosini, Azio Corghi, Luca Lombardi, Michelangelo Lupone, Ennio Morricone, Francesco Pennisi, Riccardo Piacentini. Insegna Ricezione, Produzione e Consumo della Musica all'Università Cà Foscari di Venezia. Membro della Commissione Artistica della Scuola di Musica di Fiesole, è stato direttore artistico dell'Accademia Filarmonica Romana.

 

IL DUO ALTERNO

Il Duo Alterno è considerato uno dei punti di riferimento nel repertorio vocale-pianistico del Novecento e contemporaneo. Definito dal Los Angeles Times "the high theatrics duo with a strong personality" e dal Washington Post "the duo with a big voice and a fine sense of comedic timing", con le sue esecuzioni di oltre 70 compositori italiani viventi, ha portato la musica contemporanea italiana in 50 Paesi di 5 continenti. Ha al suo attivo più oltre 20 cd, tra cui 5 monografici su Alfano, Casella, Ghedini (Nuova Era), Tosti (Urania) e la raccolta La voce contemporanea in Italia (voll. 1-6, Stradivarius). Di natura sperimentale il lavoro di ricerca sulla "foto-musica con foto-suoni" con le complicità di Sandro Cappelletto e Marco Revelli, che ha condotto a 6 cd per sonorizzazioni museali. Entrambi docenti al Conservatorio Verdi di Milano, Tiziana Scandaletti è titolare di Musica vocale da camera e Riccardo Piacentini di Composizione.

 

Dal 31 ottobre al 14 dicembre, Musiche in Mostra porta la musica d'oggi - con 40 interpreti di livello internazionale, di cui la metà professionisti under 35 - nei più suggestivi luoghi della cultura presenti sul territorio. La rassegna, a ingresso libero e gratuito, organizzata da Rive-Gauche Concerti, ha ricevuto il Label EFFE 2017-2018, venendo considerata "tra i migliori festival in Europa", ed è stata riconosciuta tra le iniziative dell'Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018.

Musiche in Mostra è realizzata con il principale sostegno della Compagnia di San Paolo nell’ambito dell'edizione 2018 del bando "Performing Arts"; il sostegno di Fondazione CRT, i contributi di SIAE e Reale Mutua e il patrocinio della Città di Torino.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero e gratuito.

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop