Torino News

TORINO, 15 April 2019

Teatro La voce di Auschwitz: al Teatro Carignano «Se questo è un uomo» diretto e interpretato da Valter Malosti

23 aprile - 12 maggio 2019 Teatro Carignano, Torino

la_voce_di_auschwitz_al_teatro_carignano_se_questo_e_un_uomo_diretto_e_interpretato_da_valter_malosti_news_torino_torino_piemonte
Condividi

La voce di Primo Levi è la voce che più di ogni altra ha saputo far parlare Auschwitz: la voce che da oltre settant’anni, con Se questo è un uomo, racconta ai lettori di tutto il mondo la verità sullo sterminio nazista. È una voce dal timbro inconfondibile, mite e salda: «considerate che questo è stato».

 

Oggi, nel centenario della nascita di Levi, il direttore di TPE - Teatro Piemonte Europa Valter Malosti firma la regia e l’interpretazione di Se questo è un uomo portando per la prima volta in scena direttamente la voce di questa irripetibile opera prima, che è il libro di avventure più atroce e più bello del ventesimo secolo: quella voce senza alcuna altra mediazione. Una voce che nella sua nudità sa restituire la babele del campo – i suoni, le minacce, gli ordini, il rumore della fabbrica di morte.

 

Se questo è un uomo va in scena dal 23 aprile al 12 maggio 2019 per la Stagione del Teatro Stabile di Torino al Teatro Carignano e vede assieme per la prima volta in una coproduzione TPE - Teatro Piemonte EuropaTeatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale Teatro di Roma - Teatro Nazionale, con la consulenza del Centro Internazionale di Studi Primo Levi e la collaborazione del Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Primo Levidel Polo del ‘900 e di Giulio Einaudi editore.

 

La condensazione scenica del testo è stata curata da Domenico Scarpa e dallo stesso Malosti. La voce è quella del testimone-protagonista, ma i registri di quella voce sono molti. La voce di Se questo è un uomo contiene in realtà una moltitudine di registri espressivi, narrativi, percettivi e di pensiero. Questi registri, questi scarti, questa fusione di fatti e di pensieri, gli «a parte» meditativi, morali e perfino scientifici, perfino politici, sono altrettante opportunità per Malosti di ricreare in scena quella quantità di dimensioni e di chiaroscuri.

 

La scena sarà di Margherita Palli, che ha immaginato un cortocircuito visivo tra la memoria del lager e le «nostre tiepide case». Le luci saranno di Cesare Accetta, i costumi di Gianluca Sbicca, i video di Luca Brinchi e Daniele Spanò. In scena con Malosti i performer Antonio Bertusi e Camilla Sandri.

 

Il progetto sonoro, curato da Gup Alcaro, sarà fondamentale in questa riscrittura scenica. Se questo è un uomo è infatti un’opera acustica. Levi restituisce la babele del campo – i suoni, le minacce, gli ordini, i vocaboli gergali incomprensibili, i rari discorsi chiari e distinti – orchestrandola sulle lingue parlate in quel perimetro di filo spinato.

 

Come contrappunto al testo e al suono del lager ci saranno tre madrigali originali creati da Carlo Boccadoro a partire dalle poesie che Levi scrive immediatamente dopo il ritorno dal campo di annientamento, negli anni 1945-46.

 

L’immagine guida è opera del disegnatore e fumettista Pietro Scarnera, che ha rielaborato appositamente per la messa in scena di Se questo è un uomo una tavola del suo graphic novel Una stella tranquilla. Ritratto sentimentale di Primo Levi (Bologna, Comma 22, 2013), premio Cosmonauti per il miglior libro e Prix Révélation al Festival di Angoulême 2016.

 

________________

 

Valter Malosti

 

Regista, attore e artista visivo, Valter Malosti dal 2018 dirige la Fondazione Teatro Piemonte Europa di Torino. In precedenza è stato anima e direttore artistico della compagnia Teatro di Dioniso e ha diretto la Scuola per attori del Teatro Stabile di Torino dal 2010 al 2017. Nel 2017 ha ricevuto il premio internazionale Flaiano per la regia di Venere in pelliccia di David Ives. I suoi spettacoli hanno ottenuto numerosi altri premi dalla critica italiana e straniera. Ricordiamo, tra gli altri, il premio Ubu 2009 per la regia di Quattro Atti Profani di Antonio Tarantino e quello dell’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro sempre per Quattro Atti Profani e per Shakespeare / Venere e Adone. Nel 2004 Inverno di Jon Fosse ha ricevuto il premio Ubu per il miglior testo straniero messo in scena in Italia. Del 2004 è il premio Hystrio per la regia di Giulietta di Federico Fellini. Maestro d’attori, sotto la sua guida i suoi interpreti hanno meritato importanti riconoscimenti fra cui gli Ubu ad Alice Spisa e Michela Cescon, il Premio della Critica Teatrale a Cescon e Laura Marinoni, il Flaiano a Sabrina Impacciatore per Venere in pelliccia e il Virginia Reiter a Roberta Caronia per l’interpretazione di Ifigenia in Cardiff di Gary Owen. Fra le sue regie più recenti da quando è direttore del TPE: Shakespeare / Sonetti Molière / Il Misantropo (2018), e La Monaca di Monza di Giovanni Testori che ha recentemente debuttato al Teatro Franco Parenti di Milano (2019).

 

Ha messo in scena nel 2006 Le nozze di Figaro di Mozart per il Teatro Regio di Torino e curato prime esecuzioni di opere contemporanee di Michael Nyman, Azio Corghi, Marco Tutino e Philip Glass. Numerose le regie radiofoniche per Radio3 Rai. Come attore ha lavorato in teatro in numerosi spettacoli di Luca Ronconi, e, fra gli altri, con Federico Tiezzi e Giorgio Barberio Corsetti; nel cinema con Mimmo Calopresti, Franco Battiato e Mario Martone. È stato protagonista del Manfred di Schumann/Byron in un progetto che ha visto collaborare il Teatro Regio di Torino con il Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale.

 

 

Domenico Scarpa

 

È consulente del Centro Internazionale di Studi Primo Levi di Torino, per il quale cura la collana bilingue «Lezioni Primo Levi» pubblicata da Einaudi. Ha curato con Fabio Levi la raccolta di Primo Levi Così fu Auschwitz e ha firmato le Notes on the texts nell’edizione dei Complete Works di Levi (Liveright, New York 2015). Con Ann Goldstein ha tenuto nel 2014 la sesta Lezione Primo Levi dal titolo In un’altra lingua. Con Roberta Mori ha curato l’Album Primo Levi, uscito nel novembre 2017 da Einaudi. Scarpa ha insegnato e svolto ricerca in università italiane e straniere (Napoli-L’Orientale, Milano-Bicocca, Scuola Normale Superiore di Pisa, Middlebury College, Italian Academy at Columbia University). Ha pubblicato monografie su Italo Calvino, Natalia Ginzburg e Franco Lucentini, e la raccolta di saggi Storie avventurose di libri necessari (Gaffi, Roma 2010). Per Einaudi ha curato nel 2012 il terzo e ultimo volume dell’Atlante della letteratura italiana. Fa parte del Comitato Nazionale Bassani, istituito per il centenario della nascita di Giorgio Bassani. Ha curato di recente opere di Natalia Ginzburg (Un’assenza. Racconti, memorie, cronache 1933-1988, Einaudi), di Goffredo Parise (Gli americani a Vicenza e altri racconti 1952-1965, Adelphi) e di Cesare Garboli (La gioia della partita. Scritti 1950-1977, Adelphi, in collaborazione con Laura Desideri). Sta preparando i due volumi delle Opere di bottega di Fruttero & Lucentini per «I Meridiani» Mondadori e una biografia intellettuale di Leone e Natalia Ginzburg. Scrive per «Il Sole 24 Ore».

 

 

________________

 

Attorno allo spettacolo 

 

Retroscena: Se questo è un uomo

Mercoledì 24 aprile 2019, ore 17.30, Teatro Gobetti (Via Rossini 8, Torino)

 

Per Retroscena - il progetto realizzato dal Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale con l’Università degli Studi di Torino / Dams - Università degli Studi di Torino / Crad - Valter MalostiDomenico Scarpa e Fabio Levi dialogano con Enrico Mattioda (Università degli Studi di Torino / Dams) su Se questo è un uomo di Primo Levi. Incontro promosso con TPE - Teatro Piemonte Europa e Centro Internazionale di Studi Primo Levi, in collaborazione con il Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Primo Levi.

 

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti in sala.

 

 

Archive Alive! Primo Levi: Il Versificatore

Lunedì 6 maggio 2019, ore 18, Mediateca Rai (via Verdi 31, Torino).

 

Nell’ambito del progetto Rai Archive Alive!, in occasione di Se questo è un uomo la Mediateca Rai in collaborazione con Teatro Stabile di Torino – Teatro NazionaleTPE - Teatro Piemonte EuropaCentro Internazionale di Studi Primo LeviComitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Primo Levi e Università degli Studi di Torino / Dams ha selezionato dagli Archivi Rai la registrazione de Il Versificatore (1971) di Primo Levi per la regia di Massimo Scaglione, con Gianrico Tedeschi e Milena Vukotic. Durata: 45’. Liberamente tratto dall’omonimo racconto, incluso nella raccolta Storie Naturali del 1966, è un originale televisivo che tratta in maniera satirica l’eccessivo uso della tecnologia attraverso la vicenda di un poeta e di una macchina che compone poesie a richiesta. Introduce: Fabio Levi (Centro Internazionale di Studi Primo Levi).

 

Ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria: 011 8104858, mediateca.torino@rai.it.

 

Per tutta la durata delle repliche di Se questo è un uomo sarà dedicata presso la sede della Mediateca Rai una postazione audio-video digitale che consentirà al visitatore di consultare tutti i materiali radio e tv Rai con la partecipazione di Primo Levi (trasmissioni, interviste, contributi). Ingresso libero. Orari: dal lunedì al giovedì, ore 9.30-17; venerdì ore 9.30-16

 

 

_______________

 

Se questo è un uomo

dall’opera di Primo Levi (pubblicata da Giulio Einaudi editore)

Condensazione scenica a cura di Domenico Scarpa Valter Malosti

 

 

Uno spettacolo di Valter Malosti

 

Scene Margherita Palli

Luci Cesare Accetta

Costumi Gianluca Sbicca

Progetto sonoro Gup Alcaro

Tre madrigali (dall’opera poetica di Primo Levi) Carlo Boccadoro

Video Luca BrinchiDaniele Spanò

 

In scena Valter Malosti

Antonio BertusiCamilla Sandri

 

Cura del movimento Alessio Maria Romano / Assistente alla regia Elena Serra con la collaborazione di Leda Kreider / Assistente alle scene Eleonora Peronetti

 

Scelte musicali Valter Malosti / Musiche di Joren Ambarchi, Johann Sebastian BachLudwig van BeethovenCracow Kletzmer Band, Morton FeldmanAlexander KnaifelWitold LutoslawskiOy DivisionArvo PärtFranz SchubertJohn Zorn / madrigali eseguiti e registrati dai solisti dell’Erato Choir: soprani Karin Selva Caterina Iora, contralto Giulia Beatini, tenori Massimo Lombardi e Stefano Gambarino, bassi Cristian Chiggiato e Renato Cadel - direzione musicale Massimo Lombardi Dario Ribechi

 

Produzione: TPE - Teatro Piemonte Europa Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale / Teatro di Roma - Teatro Nazionale

 

Progetto realizzato in collaborazione con Centro Internazionale di Studi Primo Levi, Comitato Nazionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Primo Levi, Polo del ‘900 e Giulio Einaudi editore in occasione del 100° anniversario dalla nascita di Primo Levi (1919 – 1987). 

 

_______________

 

Teatro Carignano, Piazza Carignano 6, Torino

Dal 23 aprile al 12 maggio 2019

 

 

Orari degli spettacoli: martedì, giovedì e sabato, ore 19.30; mercoledì e venerdì, ore 20.45; domenica, ore 15.30. Lunedì riposo.

 

 

Prezzi dei biglietti: Settore A: Intero € 37,00*. Ridotto di legge € 34,00 - Settore B: Intero € 31,00*. Ridotto di legge € 28,00

*Online escluse commissioni

 

Info biglietteria: 011 5169555 - Numero verde 800235333, info@teatrostabiletorino.it

 

Biglietteria del Teatro Stabile di Torino: Teatro Gobetti, via Rossini 8, Torino. Dal martedì al sabato, ore 13.00-19.00. Chiusa domenica e lunedì.

 

Apertura straordinaria il 25 aprile dalle ore 17.00 alle ore 19.30 e il 1° maggio dalle ore 17.00 alle ore 20.45.

 

Apertura biglietteria del teatro a partire da un’ora e mezza prima dell’inizio dello spettacolo.

 

Vendita on-line: www.teatrostabiletorino.it

Riviste di informazione e spettacolo gratuite - Proprietà Edizioni BLB
Aut. Trib. di Bologna N. 6191 del 10/05/93 - Iscrizione al Registro Naz.della Stampa n° 4734
Direttore responsabile Fabio Licata - P.I. e C.F. 06750950013
Num. Registro Imprese Torino 06750950013 REA 809519
Per contattarci

Credits
  • ideazione - sviluppo frontend - sviluppo backendcrop